Cic edizioni internazionali
Giornale Italiano di Psico-Oncologia

Il passaggio del paziente alla fase terminale e il lavoro dello psico-oncologo: difficoltà nel trattamento multidisciplinare

Articolo Originale, 18 - 24
Contrassegna l'articolo
Abstract
Full text PDF
Il trattamento multidisciplinare in ambito psico-oncologico si rivela essere di complessità peculiare, in particolare in relazione alla gestione del delicato momento di passaggio del paziente alla fase terminale. La comunicazione medico-paziente è intrisa delle paure dei curanti di danneggiare, causare distress emozionale e peggiorare la qualità di vita del paziente privandolo della speranza e rischia, pertanto, di minare la correttezza informativa, nonché la dignità e libertà di decisione del paziente. Queste difficoltà sono ben espresse nel caso clinico presentato, accentuate dalla giovane età della paziente, dalla presenza di figli in età prescolare, dall’esordio repentino e aggressivo di malattia e dall’inefficacia degli interventi terapeutici attuati. Emergono la necessità e l’auspicio di formulare, all’interno dei Servizi di Psico-oncologia, modelli di accompagnamento rivolti, in ottica biopsicosociale, non solo ai pazienti avviati alla fase terminale, ma anche agli specialisti della cura oncologica, con l’obiettivo di costruire strumenti di comunicazione più funzionali ed efficaci.
credits